Toronto cosa vedere

Cosa Vedere e cosa Fare a Toronto: Guida Completa

Tra le città più affascinanti del Canada, Toronto rappresenta una delle prime della lista. Si tratta di una località capace di stupire fin da subito per la sua estensione e per l’elevato numero di abitanti: su una superficie di più di 630 kmq, infatti, risiedono oltre 4.200.000 persone. Immersa nella regione dei Grandi Laghi (si trova affacciata sul lago Ontario) all’estremo Sud del territorio canadese, dista poco più di 130 km dal confine con gli Stati Uniti.

La capitale dell’Ontario è la località più grande del territorio canadese, allo stesso momento si differenzia dall’immagine normalmente associata alle metropoli.

A distinguerla da alcune famosissime località statunitensi è il suo fascino tipicamente “europeo” e il fatto di essere una meta estremamente visibile. Per tale motivo, rappresenta la scelta ideale per persone di tutte le età, da chi è in cerca di lavoro alle famiglie che desiderano concedersi una lunga vacanza.

In questa guida dettagliata, scoprirai:

Perché visitare Toronto

Da sempre considerata un valente centro economico per tutto il Nord America, Toronto si caratterizza per il numero importante di attrazioni, sia naturalistiche che architettoniche. Ad attirare turisti non solo nel periodo estivo sono laghi e parchi, ma anche il fascino multiculturale. A Toronto, infatti, convivono in piena armonia usi e tradizioni ben diverse tra loro.

È una città sicura e pulita, con mezzi di trasporto a misura di turista e ricca di attrazioni. La presenza di una “maglia” di strade disposte a scacchiera rende Toronto una città visitabile anche a piedi, senza ricorrere ai mezzi pubblici, dove orientarsi, infatti, è estremamente semplice. In alternativa, è possibile optare per metropolitana o tram, entrambi efficienti, oppure per il bike sharing, diffuso a Toronto e perfetto per scoprire la città nei mesi estivi.

Per quanto concerne il clima, le condizioni atmosferiche richiamano alla mente quelle di altre città nordamericane quali Montréal e Chicago. Ad inverni particolarmente rigidi fanno seguito mesi estivi nei quali non sono rare le temperature elevate.

Non mancano, sempre in estate, giornate che vedono come indiscussa protagonista la pioggia.

Cosa vedere a Toronto

Simbolo della città è la CN Tower, un edificio che grazie ai suoi 533 metri di sviluppo verticale, rappresenta la struttura adibita alle telecomunicazioni più alta del mondo. Potrai osservare la torre già da decine di km di distanza, anche in virtù della sua particolare conformazione (a molti ricorda una navicella spaziale) e dei giochi di luce notturni. Dalla sua sommità è possibile rimanere senza fiato ammirando un panorama che si estende fino alla baia di Hudson.

A sorprendere i turisti, a Toronto, è anche la presenza di una città sotterranea (in questo ambito Toronto ricorda Montreal), che offre un percorso lungo ben 27 chilometri ricco di hotel e alberghi. Tornando in superficie, possono essere ricordati quartieri “stranieri” come China Town e Little Italy. Tra i luoghi imperdibili rientra anche il Porto sull’Ontario, inserito nel quartiere di Harbourfront e caratterizzato da casette dallo stile ottocentesco.

Innanzitutto, a meritare una citazione è Fort York, uno degli insediamenti più antichi della città. Attraverso una serie di edifici originariamente utilizzati per scopi militari, e ad appositi percorsi museali, è possibile rivivere episodi storici come la battaglia di York, avvenuta nel 1813.

Tra gli edifici più famosi, oltre alla CN Tower si ricordano il Toronto Dominion Centre e il First Canadian Place. Quest’ultimo ha nel Marmo di Carrara l’elemento che trasmette unicità alla sua struttura. Da non perdere è anche Casa Loma, un classico esempio di architettura vittoriana ultimato nel 1914 su richiesta di Sir Henry Mill Pellatt, un magnate appassionato degli stili architettonici di scuola europea. Nel tempo Casa Loma è stata convertita in museo: alle sale, disposte su tre piani, si affiancano alcune torri (anch’esse visitabili) e una serie di giardini ideali per una passeggiata.

Musei e storia di Toronto

Chi desidera immergersi nel mondo culturale ha nel Royal Ontario Museum e nell‘Art Gallery of Ontario (che presenta una serie di sculture realizzate da Henry Moore) due destinazioni imperdibili. In particolare, il “ROM” presenta mostre temporanee e collezioni dedicate alla Storia Naturale. Un viaggio che testimonia l’integrazione esistente tra la natura e l’essere umano.

L’Art Gallery si caratterizza per gli oltre 80.000 pezzi proposti: tra le collezioni più importanti da vedere meritano di essere menzionate quelle aventi ad oggetto l’Arte Africana e il Continente Oceania. Non mancano anche opere di pittori italiani e francesi.

Toronto regala anche una serie di edifici religiosi di tutto rispetto. La Cattedrale di San Michele, ad esempio, costruita in base ai dettami della scuola neogotica, rappresenta un punto di riferimento per il mondo cattolico. Ma la località canadese è una meta suggestiva soprattutto per gli amanti della natura incontaminata.

Parchi Naturali a Toronto

Al di fuori dell’area metropolitana, infatti, non mancano luoghi estremamente suggestivi da vedere, Lago Ontario in primis. Si tratta di un lago di origine glaciale capace di offrire una serie di isolotti sabbiosi di grande interesse, tra i quali si ricorda il Toronto Island Park.

Al mattino, appena svegli, niente di meglio di una corsa per prepararsi ad affrontare la giornata. in questo caso, i 400 acri dell‘High Park rappresentano il luogo ideale, con diversi percorsi (sia pianeggianti che collinari) che prendono vita tra profumi e colori della natura. Anche le rive dell’Ontario sono perfette per praticare jogging, magari seguendo il corso del fiume una volta imboccato l’Humber River Trail.

Cosa fare a Toronto: Shopping e Tempo libero

Toronto non rinuncia a proporre ai turisti diverse occasioni per fare shopping. Sono più di 250 i negozi presenti nell’Eaton Centre, un luogo reso ancora più affascinante dalla volta in vetro. È Yonge Street la vera arteria commerciale di Toronto; suddivide la città in due parti, estendendosi tra la Georgian Bay e l’Ontario.

Chi decide di risiedere a Toronto per alcuni mesi ha diverse opportunità per trascorrere il proprio tempo libero.

Le persone che, in Italia, sono abituate a guardare in Tv, o allo stadio, le partite di calcio della propria squadra del cuore, in Canada possono sfogare la passione sportiva acquistando un biglietto per una partita dello sport nazionale: l’hockey. È l’Air Canada Center ad ospitare gli incontri della squadra locale, i Toronto Meaple Leaf. Sempre in questo stadio si svolgono le partite di basket dei Toronto Raptors.

Se l’obiettivo è quello di concedersi una serata spensierata a base di musica, Toronto è in grado di offrire una lunga serie di locali dediti ai concerti dal vivo. Dal rock all’hip hop, tali locali riescono a soddisfare anche i gusti più disparati.

Cucina tipica

La vastità del territorio canadese si riflette nella cucina proposta. Ogni zona è in grado di offrire specialità culinarie interessanti. Se il Québec si caratterizza per piatti dal delicato tocco francese, le località anglofone sono solite proporre piatti internazionali, con una marcata influenza statunitense. Toronto, dal canto suo, propone una gastronomia estremamente varia.

È possibile assaporare piatti tipici Inglesi, Francesi e Italiani, ma anche mangiare all’interno di ristoranti etnici. Se ostriche, molluschi e capesante si affiancano a piatti di carne che vedono protagonisti caribù e bue muschiato, la cucina di Toronto ha molto da offrire anche ai vegetariani.

Tra le specialità si ricordano la poutine, a base di patate fritte, formaggio fresco, carne ed altri ingredienti, e il Canadian Bacon, ottenuto da lombi disossati di maiale. Ideale per il periodo invernale è la Canadian Cheese Soup, una zuppa con formaggio cheddar resa estremamente gustosa dall’utilizzo, in cottura, della birra.

Informazioni per il viaggio a Toronto

Da quanto indicato in precedenza, non stupisce la scelta compiuta da molti cittadini europei di risiedere a Toronto, sia per brevi che per lunghi periodi. Prima di trasferirsi, tuttavia, avere ben chiari i documenti da portare con sé è il modo migliore per evitare qualunque problema burocratico una volta giunti in Canada.

Qualunque sia il motivo che porta a risiedere a Toronto, prima di partire per il Canada è necessario prendere in considerazione i documenti obbligatori per rimanere sul territorio, visto turistico in primis.

Le persone che non hanno intenzione di fermarsi in Canada, limitandosi ad attraversare il Paese in aereo, dovranno munirsi di un documento apposito, l’eTA ossia l’autorizzazione elettronica di viaggio.

Tali disposizioni valgono anche per i cittadini italiani nonostante, dal 15 marzo 2016, questi ultimi siano esentati dal visto.

Tipologie di visto per il Canada

Tra i documenti più importanti rientra sicuramente il Visitor Visa, ossia il visto turistico.

Rilasciato dal Governo Canadese, consente a chi giunge da altri Paesi, Stati Uniti compresi, di visitare, lavorare o studiare in Canada. La sua validità è di 6 mesi, ma tale visto può essere concesso anche per un periodo di tempo inferiore; in tal caso, la durata viene messa in evidenza sul documento stesso.

Sono due le tipologie di visto turistico esistenti. Il “multiple entry visa” si distingue dal “single entry vista” per la durata che, in quest’ultimo caso, può raggiungere i 10 anni. È consigliato a chi ha in programma più viaggi (quindi un numero di soggiorni non indifferente) in territorio canadese.

I cittadini italiani che vogliono soggiornare in Canada per non più di 6 mesi non devono munirsi di visto. Sarà sufficiente, infatti, esibire il passaporto (purché in corso di validità) e disporre dell’eTA.

Proprio l’eTA, pur avendo una durata di 5 anni (sempre che il Passaporto al quale è collegata non sia destinato a scadere prima), permette di risiedere in territorio canadese solamente per 6 mesi (180 giorni) consecutivi. Quando si oltrepassa tale limite, il visto diviene necessario.

Procedura per richiedere l’eTa

La procedura per ottenere l’eTA (acronimo di Electronic System for Travel Autorization) risulta indubbiamente più veloce di quella prevista per il Visto. Una volta accolta permette di viaggiare all’interno del Canada senza essere soggetti a particolari restrizioni, anche se per un periodo di tempo che non può superare i 180 giorni.

L’eTA è rivolta non solo ai turisti, ma anche alle persone che devono entrare in territorio canadese per effettuare delle cure mediche, o per prendere parte ad eventi di carattere sociale, culturale o sportivo.

Può fare domanda per l’eTA anche chi semplicemente desidera far visita a conoscenti residenti a Toronto (o in qualsiasi città del Canada).

L’aspetto essenziale è che la persona che si reca in territorio canadese per prendere parte ad eventi specifici (compresi corsi di aggiornamento o meeting di lavoro) non percepisca alcuna remunerazione, ad eccezione di eventuali rimborsi spese. Quando l’intenzione è di entrare in Canada per studiare o lavorare, la richiesta del visto all’Ambasciata (o al Consolato del Canada) risulta indispensabile.

Chi ha già avuto modo di viaggiare negli Stati Uniti troverà nella procedura per ottenere l’eTA molti punti in comune con quella relativa all’ESTA. A distinguere l’eTA è soprattutto la sua durata, pari a 5 anni. Tuttavia l’eTA, collegandosi elettronicamente al passaporto, vede ridursi la sua validità quando la scadenza dello stesso passaporto è prevista prima dell’esaurirsi del quinquennio.

A poter richiedere l’eTA sono le persone provenienti da uno degli Stati inseriti nella lista dei Paesi esenti dal Visto. Sarà anche necessario avere una fedina penale pulita (in questo caso sono prese in considerazione anche eventuali violazioni sulle leggi dell’immigrazione), e godere di buona salute. Per maggiori informazioni visitare la pagina eTA Canada faq.

Modulo per la richiesta dell’eTA

A facilitare la domanda per l’eTA è il fatto di poter portare avanti l’iter online; sono sufficienti pochi minuti, pertanto, per terminare la compilazione. Prima di procedere occorre avere a disposizione il passaporto, la carta di credito (per il pagamento delle commissioni previste) e un indirizzo di posta elettronica.

Nel modulo di richiesta presente sul nostro sito dovranno essere inserite le informazioni personali e i dettagli del passaporto. Dal menu a tendina presente nel modulo di richiesta è necessario selezionare la categoria che meglio identifichi la professione di chi lo compila.

A tali informazioni si affiancano quelle relative all’attuale datore di lavoro, compresa la data di assunzione. Occorre anche indicare eventuali richieste di eTA non andate a buon termine. L’approvazione della richiesta non è condizione sufficiente per garantirsi l’accesso al territorio canadese.

Avere una visione chiara di tutti i documenti necessari per visitare Toronto, farà sì che non ci saranno complicazioni di nessun genere una volta arrivati in Canada.

Sopra